Gli strumenti ibridi di Phabrix Gli strumenti ibridi di Phabrix
Presentati al NAB i nuovi strumenti per la generazione di segnali test, l’analisi e il monitoraggio di segnali video IP, 4K/UHD e HDR. Il supporto... Gli strumenti ibridi di Phabrix

Presentati al NAB i nuovi strumenti per la generazione di segnali test, l’analisi e il monitoraggio di segnali video IP, 4K/UHD e HDR.

Il supporto per lo standard SMPTE 2022-6 (e in futuro anche ST2110), unitamente alla possibilità di gestire video dall’HD al 4K/UHD, fa del Qx 12G della Phabrix uno strumento adatto ad affrontare la transizione da SDI a IP.

La generazione di segnali test, l’analisi e il monitoraggio di video su IP e in banda base nei formati HD, 3G, 6G, 12G-SDI sono tutte funzionalità offerte dal Qx 12G. Gli strumenti per l’analisi dei flussi IP permettono di tenere sotto controllo il traffico dei dati sulla rete IP e simulare possibili condizioni di congestione. Durante l’anno saranno rilasciati aggiornamenti del firmware per supportare gli standard AES67, TR03 e PTP (ST2059-2), come richiesto nella bozza dello standard SMPTE 2110.

Il Qx 12G mette a disposizione anche segnali test e strumenti di misura specifici per il video HDR (High Dynamic Range) e con ampio spazio colore. Ad esempio, è possibile evidenziare le zone di massima luminosità o la cromaticità del segnale sovrapposta al diagramma Cie 1931. Per quel che riguarda le curve del gamma, il supporto è per il momento limitato allo standard PQ, ma anche in questo caso saranno rilasciati aggiornamenti per estendere il supporto agli standard HLG e SLOG3.

Per quanti non fossero interessati al supporto per segnali 6G e 12G/SDI, Phabrix propone il QX IP che limita il supporto dei segnali SDI al 3G e offre, con un prezzo più contenuto, le stesse funzionalità per IP e HDR. Gli attuali utilizzatori del Qx potranno poi aggiornare il firmware dei propri strumenti per avere a disposizione le stesse funzionalità del Qx 12G.

Inoltre, Phabrix ha presentato l’opzione IP per l’Sx TAG, lo strumento portatile che è in grado di supportare segnali video fino al 3G-SDI e si può collegare alla rete IP utilizzando un modulo SFP+ con porta 10GbE.

“Con queste nuove soluzioni ibride IP/SDI per il montaggio a rack o portatili, stiamo offrendo strumenti di test e misura che ben si adattano alle più recenti installazioni broadcast che hanno solitamente a che fare con diversi standard SDI e IP, così come con formati HDR e SDR. Soddisfare queste esigenze per garantire un supporto puntuale a tutti questi formati è stata una reale priorità”, ha dichiarato Phillip Adams, Managing Director di Phabrix.

I prodotti Phabrix sono distribuiti in Italia da Video Signal.

image_pdfimage_print
Articolo precedente
Articolo successivo