Presentata in anteprima una nuova telecamera cinematografica Panasonic 5,7 K compatta Presentata in anteprima una nuova telecamera cinematografica Panasonic 5,7 K compatta
Panasonic ha presentato in anteprima al Cine Gear Expo 2017 di Los Angeles, USA, l’AU-EVA1, la nuova telecamera 5,7K per il cinema, soluzione intermedia... Presentata in anteprima una nuova telecamera cinematografica Panasonic 5,7 K compatta

Panasonic ha presentato in anteprima al Cine Gear Expo 2017 di Los Angeles, USA, l’AU-EVA1, la nuova telecamera 5,7K per il cinema, soluzione intermedia tra la mirrorless 4K Lumix GH5 ed il camcorder 4K VariCam LT. Compatta e leggera, la nuova AU-EVA1 è studiata ad hoc per le riprese manuali, ma è perfetta anche per la produzione di documentari, spot pubblicitari e videoclip musicali.

“Ci siamo resi conti che esisteva una domanda di mercato da colmare nell’ambito della produzione cinematografica, fra le nostre GH5 e VariCam LT” afferma Nela Pertl, European Product Manager. “Grazie alle esclusive dimensioni compatte e al nuovo sensore 5,7K, l’EVA1 colma esattamente quel vuoto d’offerta, rispondendo alle esigenze precise di una varietà di applicazioni professionali”.

L’EVA1 integra un sensore Super 35 mm 5,7K di nuova concezione che consente di registrare autentiche immagini cinematografiche. Partendo da una risoluzione nativa superiore, il sensore 5,7K fornisce un’immagine più dettagliata, se sottocampionata a 4K, UHD, 2K e persino 720 p. Le specifiche colore, potenziate nella nuova camera, assicurano un’immagine più fine e accurata.
Una delle caratteristiche principali di VariCam 35, VariCam LT e VariCam Pure è la doppia risoluzione ISO nativa. Grazie a un processo che consente di leggere il sensore in modo sostanzialmente diverso, la doppia risoluzione ISO nativa estrae più informazioni dal sensore senza causare alcuna degradazione dell’immagine. Di conseguenza, la telecamera può passare da un livello di sensibilità standard a uno elevato, senza che si verifichi un aumento del rumore o qualsiasi altra alterazione.

“Nelle VariCam, la doppia risoluzione ISO nativa ha consentito agli operatori cinematografici di utilizzare un’illuminazione meno intensa sul set, risparmiando tempo e denaro, oltre a rendere possibile una gamma più ampia di scelte artistiche. L’EVA1 comprenderà la doppia risoluzione ISO nativa, ma stiamo ancora testando la telecamera per stabilire le specifiche ISO definitive”, aggiunge Nela Pertl.

Nella produzione cinematografica, la capacità di acquisire colori realistici e toni morbidi per l’incarnato è indispensabile per ogni operatore. Analogamente alla linea di telecamere cinematografiche VariCam, l’EVA1 permette l’acquisizione V-Log/V-Gamut, che fornisce elevata gamma dinamica e cromatica. Le caratteristiche della curva V-Log ricordano la pellicola negativa, mentre V-Gamut offre uno spazio colore persino più esteso di quello della pellicola. Inoltre, l’EVA1 includerà la prestigiosa colorimetria della linea VariCam.

Con un peso di appena 1,2 Kg (solo la struttura), un fattore di forma compatto (17 x 13,5 x 13,3 cm) e un’impugnatura rimovibile, l’EVA1 è ideale per riprese a mano altamente performanti e può essere montata anche su droni, gimbal rig o bracci jib, per ottenere riprese totalmente fluide, anche in movimento. Saranno inoltre disponibili sulla nuova telecamera numerosi punti di montaggio e Panasonic attualmente sta collaborando con produttori leader di mercato nel campo degli accessori, per fornire agli utenti della nuova EVA1 il massimo in termini di possibilità di personalizzazione.

Perfetta per i filmaker indie, l’EVA1 registra su schede SD pronte all’uso e a basso costo. La telecamera supporta vari formati e velocità di compressione e offre file 4:2:2, a 10 bit, persino in 4K. L’elenco completo dei formati di registrazione sarà disponibile al momento del rilascio dell’EVA1.
La telecamera utilizza un adattatore EF nativo e ciò consente agli operatori che la utilizzeranno di avvalersi di tutta la ricca gamma di obiettivi EF già in commercio, incluse dozzine di modelli a fuoco fisso e zoom cinematografico, offerti da svariati produttori. La stabilizzazione elettronica delle immagini (EIS) compensa le vibrazioni della telecamera e l’offuscamento, contribuendo a migliorare le riprese manuali o a spalla nei documentari e nei progetti run and gun. Grazie al filtro girevole ND integrato a 2, 4 e 6 stop, posto dietro al supporto per obiettivo, viene assicurato agli operatori un controllo dell’esposizione estremamente preciso. Con l’EVA1, è anche possibile rimuovere l’IR Cut Filter dal percorso del sensore, semplicemente premendo un pulsante.
Grazie a questo controllo sugli infrarossi sono possibili effetti fotografici e immagini notturne davvero unici nel loro genere.

Come strumento professionale per la produzione video, l’EVA1 offre doppi ingressi audio XLR bilanciati e uscite video compatibili 4K sia in modalità HDMI che SDI. Con il prossimo aggiornamento del firmware l’EVA1 offrirà, inoltre, l’output RAW a 5,7K per l’utilizzo con registratori di terze parti .

L’EVA1 sarà disponibile dal prossimo autunno a un prezzo inferiore a 8.000 € (solo il corpo).

image_pdfimage_print
Articolo precedente
Articolo successivo

redazione milano