Seminario SMPTE sulle Tecnologie Emergenti a Torino il 26 maggio 2017 Seminario SMPTE sulle Tecnologie Emergenti a Torino il 26 maggio 2017
Giunto con grande successo alla sua 9° edizione, il Seminario intende anche quest’anno esplorare le tecnologie che, con più evidenza, stanno attualmente emergendo nel... Seminario SMPTE sulle Tecnologie Emergenti a Torino il 26 maggio 2017

Giunto con grande successo alla sua 9° edizione, il Seminario intende anche quest’anno esplorare le tecnologie che, con più evidenza, stanno attualmente emergendo nel mondo dei media sia sul versante “broadcast” che su quello “broadband”.

Come il mondo del broadcast (radiotelevisione) intenda muoversi nei prossimi anni è ormai più o meno chiaro: consolidata la tecnologia del full HDTV – la “piena alta definizione”, basata su un segnale video digitale seriale (SDI) progressivo (50 quadri/sec.) in 2K (circa duemila pixel per riga), con miglioramenti della risoluzione sia temporale (HFR, High Frame Rate), che di luminanza (HDR, High Dynamic Range) e di colore (WCG, Wide Color Gamut), e su un segnale audio avanzato (NGA, Next Generation Audio) – si intendono usare le più evolute tecnologie del 4K (circa quattromila pixel per riga) e 8K (circa ottomila pixel per riga) anche per altre finalità, diverse da quelle della diffusione, che vanno dalla registrazione e conservazione di documenti video inerenti importanti avvenimenti, ai musei virtuali, al supporto alla chirurgia, ecc.

Ma il mondo dei broadcaster, intesi anche come produttori di contenuti audiovisivi, guarda da qualche tempo con molta attenzione anche alle tecnologie IP, proprie delle reti internet, sia per adottarle a livello professionale nelle strutture di produzione e postproduzione, sia per impiegarle a livello diffusivo, al fine di espandersi dalle sue proprie reti radiotelevisive a quelle offerte da internet, così attuando il cosiddetto “broadband”.

Il broadcast potrebbe dunque far proprie le tecnologie “video over IP”, chiamate anche “SDI over IP”, ad indicare il passaggio dell’informazione video con qualità “produzione” da una struttura seriale ed isocrona, quale quella tipica del SDI (Serial Digital Interface), ad una “a pacchetti” rispondente ai protocolli internet (IP). A tale riguardo già dal 2007 la SMPTE ha iniziato ad emettere la serie degli standard SMPTE 2022, giunta nel 2013 alla versione 2022-7, che fornisce i protocolli e le codifiche necessarie a far transitare un video digitale MPEG-2 e/o SDI sulle reti IP. Di tutto ciò parleranno relatori provenienti da vari paesi e con varie esperienze.

REGISTRAZIONE AL SEMINARIO (necessaria per accedere al CPTV RAI di Torino) compilando, entro e non oltre il 20 Maggio 2017, il questionario all’indirizzo : http://www.smpte.it/registration

AGENDA DEL SEMINARIO

10:00 registrazione dei partecipanti
10:30 apertura del Seminario – Alfredo Bartelletti (SMPTE-Italia), Alberto Morello (RAI-CRIT), Roberto Nepote (RAI-TO), Franco Visintin (SMPTE, moderatore)
10:45 Giorgio Dimino (RAI-CRIT) – “UHD: una famiglia di formati per i nuovi servizi televisivi”
11:15 Marco Pellegrinato (Mediaset) – “Introduzione sulle nuove tecnologie broadband”
11:20 Marco Gorni (Mediaset) – “La nuova Piattaforma OTT di Mediaset”
11:40 Stefano Braghieri (Mediaset) – “il lancio italiano di HbbTV 2.0”
12:00 Enzo Paradisi (Sky Italia) – “Opportunità dell’IP e dei servizi in cloud”
12:30 Cristiano Benzi (Eutelsat) – “Il satellite e le sue evoluzioni al servizio del Broadcasting”
13:00 buffet
14:00 dimostrazioni tecniche condotte da RAI-CRIT
15:00 John Ive (IABM) – “Technology evolution and business development”
15:30 Alfredo Bartelletti (SMPTE) – “Il punto di vista della SMPTE sulle tecnologie emergenti”
16:00 Angelo D’Alessio (SMPTE) – “Il ruolo dei nuovi Standard nella Esperienza Visiva e Uditiva”
16:30 Federico Savina (CSC) – “Ridefinire in chiave multimediale l’esperienza cinematografica”
17:00 Giovanni Ballocca (Sisvel) – “Next generation Codecs, technology and beyond”
17:30 chiusura del Seminario e visita al Museo della Radio e Televisione

image_pdfimage_print
Articolo precedente
Articolo successivo

redazione milano