SMPTE ratifica lo standard ST 2110 SMPTE ratifica lo standard ST 2110
Proprio in occasione dell’IBC è arrivata la notizia dell’approvazione delle parti principali dello standard ST 2110 per il trasporto di video e audio su... SMPTE ratifica lo standard ST 2110

Proprio in occasione dell’IBC è arrivata la notizia dell’approvazione delle parti principali dello standard ST 2110 per il trasporto di video e audio su reti IP.

Anche se sono ancora da definire nei particolari le parti dello standard ST 2110 riguardanti la gestione dei metadata o il supporto per video e audio compressi, la cui ratifica è prevista nel giro di pochi mesi o al massimo in tempo per il prossimo NAB, sono numerosi i fabbricanti che già supportano il nuovo standard, come si è potuto vedere all’IBC nell’area riservata alle dimostrazioni di interoperabilità degli apparati IP di oltre 50 diversi produttori.

“Modificando radicalmente il modo in cui gli stream di media professionali possono essere gestiti, trattati e trasmessi, gli standard SMPTE ST 2110 vanno oltre la sostituzione dell’SDI con l’IP per supportare la creazione di una nuova gamma di applicazioni che traggono vantaggio dai protocolli e dalle infrastrutture informatiche”, ha dichiarato Matthew Goldman, presidente SMPTE. “La standardizzazione formale dei documenti ST 2110 permette a una larga parte di fornitori di tecnologie per i media di procedere con la fabbricazione e soddisfare l’elevata richiesta di apparecchiature basate sulla nuova suite di standard.”

Grazie agli standard SMPTE ST 2110, il traffico interno agli studi di produzione può essere gestito interamente da un’infrastruttura IP e questo significa che le organizzazioni potranno sfruttare un unico centro di elaborazione dati invece che dover gestire due strutture separate per la commutazione e la distribuzione di segnali SDI e IP. Gli standard SMPTE ST 2110 rendono possibile l’instradamento separato dei contenuti – video, audio e dati ausiliari -superando quindi uno dei limiti della suite di standard ST 2022. Ad esempio, è possibile aggiungere sottotitoli a un video o modificare le tracce audio garantendo sempre una perfetta sincronizzazione.

image_pdfimage_print
Articolo precedente
Articolo successivo

Mauro Baldacci