Tour Honda Civic 2017 con Blackmagic Tour Honda Civic 2017 con Blackmagic
La produzione live e la proiezione video sui maxischermi del tour Honda Civic 2017 di OneRepubblic è stata realizzata grazie ad ATEM 2 M/E Broadcast... Tour Honda Civic 2017 con Blackmagic

La produzione live e la proiezione video sui maxischermi del tour Honda Civic 2017 di OneRepubblic è stata realizzata grazie ad ATEM 2 M/E Broadcast Studio 4K, Teranex Express, e HyperDeck Studio Mini di Blackmagic Design.

Stuart Merser, responsabile del live e direttore di Vis-a-Vis Media, ha progettato insieme a Jeff Nolte di OCD Labs un rack video composto dai dispositivi Blackmagic Design per la commutazione, il routing, e il monitoraggio. Questa soluzione ha consentito a Merser di manipolare liberamente i video delle performance della band, incluse le immagini della tournée, le apparizioni ai festival, e gli impegni con lo sponsor.

“Il rack è stato sviluppato per la massima potenza e portabilità; è un sistema perfettamente modulare, completo di tutto quello che potrebbe rivelarsi utile durante lo spettacolo. Allo stesso tempo possiamo connettere componenti hardware aggiuntivi o integrare il nostro sistema a quello esistente della struttura ospitante”, ha spiegato Merser. “Ciò significa che sia in un locale che a un festival, ci basta connettere le camere al rack tramite BNC per un immediato controllo totale dell’intero spettacolo”.

Il rack è il punto di snodo di tutti i feed video dal vivo delle date americane e asiatiche del tour, in cui Merser mixa i contenuti della band principale grazie allo switcher ATEM 2 M/E Broadcast Studio 4K. I contenuti per i gruppi spalla James Arthur e Fitz and The Tantrums vengono prodotti con lo switcher ATEM 2 M/E Production Studio 4K.

Tre camere, una 86x nell’auditorium e due grandangolari 14 x 4.3 nella fossa, catturano l’azione, mentre quattro Micro Cinema Camera fissate sul palco registrano i primi piani di batteria, violoncello, pianoforte, e sintetizzatori. Tutti i sette canali sono instradati allo switcher, diversi server multimediali, e a un sistema di manipolazione video VideoDust, per creare grafica straordinaria a partire dalle immagini dal vivo.

“VideoDust è basato sulle schede di acquisizione e cattura Blackmagic. Ogni immagine sugli schermi ai lati della band è una creazione VideoDust. È pertanto importante che ogni elemento del sistema video sia affidabile e offra una latenza minima”, ha sottolineato Merser.

I segnali per gli schermi LED triangolari, ma anche per i monitor backstage e i maxischermi nell’auditorium, sono distribuiti grazie a uno Smart Videohub 40×40. I convertitori di standard Teranex Express nel rack si sono dimostrati preziosissimi. “Molti dei locali in cui la band si è esibita sono grandi anfiteatri all’aperto, con maxischermi su cui il pubblico può seguire il concerto a distanza. Molti di questi ammettono solo vecchi formati, ma grazie a Teranex nel nostro impianto siamo in grado di fornire un feed nel formato adeguato indipendentemente dal locale o dalla tecnologia degli schermi in uso”.

Tutti i contenuti prodotti da Merser sono catturati su schede SD con HyperDeck Studio Mini. “Non appena lo spettacolo termina, premo stop e consegno la scheda SD al direttore della fotografia del tour, Brody Harper, che edita e posta sui social 20 minuti dopo”, ha concluso Merser. “La gente esige immediatezza da band e artisti, per cui rendere l’esperienza dal vivo subito accessibile sulle piattaforme social è un elemento indispensabile di ogni tour”.

image_pdfimage_print
Articolo precedente
Articolo successivo

redazione milano