Sottotitoli e trascrizione in Cloud con Trance 3.2 di Digital Nirvana Sottotitoli e trascrizione in Cloud con Trance 3.2 di Digital Nirvana
Digital Nirvana, fornitore di servizi all’avanguardia di monitoraggio dei media e generazione di metadati, ha presentato Trance 3.2, l’ultima versione della sua pluripremiata applicazione... Sottotitoli e trascrizione in Cloud con Trance 3.2 di Digital Nirvana

Digital Nirvana, fornitore di servizi all’avanguardia di monitoraggio dei media e generazione di metadati, ha presentato Trance 3.2, l’ultima versione della sua pluripremiata applicazione cloud di livello aziendale per sottotitoli e trascrizione. Trance 3.2 ha diverse nuove funzionalità che consentiranno una produzione più rapida ed efficiente di sottotitoli e traduzioni in tempo reale.

Le nuove funzionalità includono aggiornamenti alle capacità di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) dello strumento che rendono possibile identificare le regole grammaticali e di stile e configurare Trance per seguirle. E grazie ai progressi nell’apprendimento automatico, ci sono miglioramenti al modello di traduzione automatica che soddisfano la crescente necessità di localizzazione in più lingue per i sottotitoli, traducendo rapidamente il contenuto fotogramma per fotogramma mantenendo l’intero contesto.

“Le nostre ultime modifiche a Trance aggiungono un nuovo livello di completezza al prodotto in termini di copertura dell’intero flusso di generazione dei sottotitoli e localizzazione. Trance non solo aumenta l’efficienza a ogni momento del processo, ma fornisce anche una piattaforma in cui può fare tutto ciò che riguarda la trascrizione, i sottotitoli e la localizzazione del testo in quasi tutte le situazioni d’uso immaginabili”, ha affermato Russell Vijayan, direttore dello sviluppo aziendale di Digital Nirvana. “Non è necessario che gli utenti esaminino l’intero set di contenuti per aderire a rigide linee guida grammaticali e di stile. Invece, ora le regole grammaticali possono essere impostate come istruzioni standard per il sistema. Un contenuto di 90 minuti può ora essere sottotitolato in un paio d’ore rispetto a una settimana o giù di lì.”

Trance è progettato per utilizzare l’apprendimento automatico e le capacità di intelligenza artificiale per migliorare il processo di generazione di trascrizioni, sottotitoli e traduzioni per i contenuti multimediali. Case di produzione, piattaforme OTT, reti di trasmissione e qualsiasi produttore di contenuti che li pubblichi su punti vendita o Internet con sottotitoli e traduzioni abilitati beneficeranno dei seguenti importanti miglioramenti:

• La finestra di trascrizione ora utilizza un motore di sintesi vocale avanzato che genera testo accurato e trascritto automaticamente, che viene visualizzato in un’interfaccia utente intuitiva attraverso la quale gli utenti possono apportare rapidamente modifiche.
• Gli utenti possono ora esportare la trascrizione, se necessario, e le trascrizioni con codice temporale possono essere utilizzate come metadati per rendere il contenuto video leggibile dalle macchine.

• Mentre le versioni precedenti di Trance consentivano agli utenti di inserire vari parametri per indicare al sistema come suddividere le trascrizioni e presentarle nella finestra dei sottotitoli, l’ultimo aggiornamento utilizza anche la tecnologia NLP per abilitare la suddivisione delle trascrizioni in base a regole e stili grammaticali. Ogni piattaforma di streaming ha una grammatica e uno stile di sottotitoli in continua evoluzione, e aderire a queste regole è stata una sfida per i sottotitoli. La nuova modifica garantisce che gli utenti trascorrano meno tempo a correggere le cose quando dividono le trascrizioni per generare didascalie/sottotitoli.

• Ora, tutti gli utenti autorizzati possono caricare i file multimediali dai loro accessi invece di aspettare che lo facciano gli amministratori.
• I miglioramenti del flusso di lavoro assicurano che gli utenti possano accedere ai lavori direttamente dall’elenco degli elementi di lavoro disponibili nella loro dashboard.

Trance può essere uno strumento fondamentale in una varietà di casi d’uso, come la generazione di trascrizioni per contenuti audio, l’importazione di una trascrizione esistente e la sincronizzazione con il video o l’importazione di sottotitoli esistenti e la scelta di un servizio di controllo qualità dei sottotitoli che confronta i sottotitoli con la piattaforma di streaming e segnala eventuali non conformità. Gli utenti possono generare traduzioni automatiche al termine del processo di sottotitolazione. Possono anche importare un file sidecar di sottotitoli esistenti, conservare i timecode e generare una traduzione automatica di alta qualità che aiuterebbe con il processo di localizzazione. Trance consente anche di modificare la frequenza dei fotogrammi, applicare riferimenti timecode ed esportare output sidecar in vari formati.

Poiché Trance è un’applicazione basata su cloud, gli aggiornamenti sono immediatamente disponibili per gli utenti di Trance.

redazione milano