Lo smartphone è il mezzo più usato per le news secondo il Digital News Report 2019 di Reuters Lo smartphone è il mezzo più usato per le news secondo il Digital News Report 2019 di Reuters
Il mezzo più utilizzato per leggere le notizie è lo smartphone: due persone su tre (66%) lo utilizzano abitualmente per tenersi informati sui fatti... Lo smartphone è il mezzo più usato per le news secondo il Digital News Report 2019 di Reuters

Il mezzo più utilizzato per leggere le notizie è lo smartphone: due persone su tre (66%) lo utilizzano abitualmente per tenersi informati sui fatti che avvengono nel mondo. A suggerirlo sono i dati emersi dal Digital News Report 2019 di Reuters, che ha indagato le abitudini delle popolazioni di 38 Paesi, sparsi in sei continenti. In buona parte dei Paesi presi in esame, la popolazione al mattino usa proprio lo smartphone per apprendere le breaking news, mettendo in secondo piano la radio e i quotidiani cartacei. Tiene la televisione, con spettatori e ricavi rimasti sostanzialmente invariati negli anni di riferimento.

I numeri in Italia

Anche in Italia gli smartphone sono il mezzo più utilizzato per consultare le notizie online. Nella penisola, il 52% dei mattinieri che legge le ultime news ricerca le informazioni sui social media o sulle applicazioni di messaggistica. Nello specifico, il 33% legge le news su Facebook, l’8% su WhatsApp e il 5% su Instagram. Inoltre, meno del 20% resta aggiornato accedendo ai siti o alle applicazioni dei mezzi d’informazione (il 19%), l’11% legge le notizie tramite alert e notifiche e l’11% utilizza gli aggregatori di notizie, quali Google News.
Resta stabile il numero di persone (il 58%) che in Italia guardano le notizie sul piccolo schermo, a differenza degli altri Paesi dove sono in calo.

La fiducia

La crescita del populismo, la polarizzazione delle notizie e i timori sulla disinformazione hanno tuttavia fatto diminuire nel mondo la fiducia non solo nei social media, ma nei mezzi d’informazione in generale. Se nel 2015 più del 40% della popolazione utilizzava settimanalmente Facebook per tenersi aggiornato, ora questa percentuale è scesa al 36%. In crescita, invece, WhatsApp che sale al 16%, mentre Twitter resta fisso al 10%. Nel corso degli anni è aumentata anche la percentuale della popolazione che legge le news da Instagram (9%) e da Messenger (8%). In ogni caso, la credibilità dei media è in calo a livello globale ed è passata dal 44 al 42%. Per quanto riguarda l’Italia, la fiducia è scesa dal 42 al 40%, mentre in Francia è crollata addirittura di 14 punti, a quota 24%. In media, il 55% degli interpellati si dice preoccupato dalla sua capacità di distinguere tra realtà e fake news, mentre è scarsa la fiducia nel fatto che i media controllino il potere. In Italia lo crede solo il 33%.

Articolo precedente
Articolo successivo

redazione milano

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien