Rai, al via le trasmissioni televisive in HD sul 5G  Rai, al via le trasmissioni televisive in HD sul 5G 
Il 24 giugno a Torino, nel corso dello spettacolo in piazza per le celebrazioni di San Giovanni, il Centro Ricerche RAI sperimenta la diffusione... Rai, al via le trasmissioni televisive in HD sul 5G 

Il 24 giugno a Torino, nel corso dello spettacolo in piazza per le celebrazioni di San Giovanni, il Centro Ricerche RAI sperimenta la diffusione di immagini ad alta definizione 5G in modalità broadcast. La novità proviene dalla collaborazione tra il MISE, la RAI e il Comune di Torino.

Lo spettacolo, ripreso da una regia mobile situata all’interno della piazza e da droni, è curato dal Centro di Produzione di Torino, dalla Tgr Piemonte e da RaiNews24. Le immagini sono inoltre integrate da riprese in 4K del territorio piemontese e della città di Torino.
Il Centro Ricerche RAI cura la trasmissione sperimentale in tecnologia 5G broadcast dal trasmettitore RaiWay di Torino Eremo e le riprese sono rese disponibili al pubblico in piazza tramite due maxi schermi. Inoltre, in serata, presso il Museo della Radio Rai di Via Verdi, la nuova tecnologia 5G broadcast viene illustrata a un gruppo di docenti e studenti del Politecnico di Torino che, attraverso una innovativa app in tecnologia WiFi multicast realizzata da Global Invacom, possono ricevere anche sul proprio telefono cellulare questo servizio direttamente via etere tramite un ricevitore sperimentale sviluppato con l’Università di Braunschweig.

RaiNews24 cura la regia televisiva della diretta dell’evento in piazza in onda sul Digitale Terrestre e su TivùSat e in streaming su RaiPlay.

Nel presentare l’iniziativa l’Azienda Pubblica descrive le opportunità della tecnologia 5G. “Nel prossimo futuro, grazie all’elevatissima velocità di trasmissione, alla bassa latenza e alla possibilità di operare sia in modalità interattiva che in broadcast, permetterà di trasmettere video di altissima qualità nel corso di eventi che coinvolgono ampie platee, aprendo anche nuove prospettive al video immersivo a 360°, alla realtà aumentata e all’interattività da parte degli utenti”.

Articolo precedente
Articolo successivo

redazione milano