Un nuovo bollino per le TV Un nuovo bollino per le TV
In occasione del CES di Las Vegas sono state rese pubbliche dalla UHD Alliance le specifiche dello standard Ultra HD Premium, subito adottato da... Un nuovo bollino per le TV

In occasione del CES di Las Vegas sono state rese pubbliche dalla UHD Alliance le specifiche dello standard Ultra HD Premium, subito adottato da tutti i maggiori fabbricanti di apparecchi televisivi per i loro modelli di punta che saranno in commercio fra qualche mese.Ultra_HD_Premium_specs

Nata lo scorso anno proprio con l’intento di stabilire le specifiche per la produzione, distribuzione e fruizione di contenuti in Ultra HD, la UHD Alliance ha rilasciato il suo primo standard che dovrebbe finalmente mettere fine alla babele di sigle finora utilizzate dai fabbricanti di apparecchi televisivi per pubblicizzare caratteristiche più o meno rilevanti dei propri prodotti. La UHD Alliance annovera tra i suoi membri i più importanti produttori di contenuti (20th Century Fox, Disney, Dreamworks, Universal, Warner Bros, …), distributori come DirectTV e Netflix, nonché praticamente tutti i maggiori produttori di televisori oltre ad aziende fabbricanti di apparecchiature utilizzate per la produzione di video in Ultra HD e 4K.

Per quel che riguarda i televisori, lo standard Ultra HD Premium stabilisce una risoluzione di 3.840 x 2.160 pixel (valore che nella slide utilizzata per la presentazione al CES di Las Vegas  era però indicato in 3.820 x 2.160 pixel …), una profondità colore di 10 bit, la possibilità di gestire in ingresso lo spazio colore definito dalle specifiche BT.2020 e di visualizzare almeno il 90% dei colori del più ristretto spazio colore DCI-P3, quello utilizzato per il cinema digitale. La parte più interessante dello standard riguarda però l’High Dynamic Range (HDR) come definito dallo standard SMPTE ST2084, la possibilità cioè di visualizzare video con un contrasto più elevato: per mettere d’accordo i fabbricanti di TV che utilizzano schermi LCD e quelli che adottano schermi OLED sono state stabilite due categorie. Per i primi, il picco di luminosità massima dovrà essere superiore a 1.000 nits (cd/m2) con un livello del nero inferiore a 0,05 nits mentre per gli OLED, per i quali il livello del nero è praticamente zero, il picco di luminosità è stato stabilito in almeno 540 nits.UHD_Premium-Logo_655x440

Specifiche sostanzialmente simili per i distributori di contenuti mentre per la loro creazione i display utilizzati dovranno essere in grado di visualizzare il 100% dello spazio colore DCI-P3 e avere una luminosità di picco superiore a 1.000 nits, con un livello del nero inferiore a 0,03 nits.

Le specifiche Ultra HD Premium non prevedono alcuna indicazione particolare per il frame rate e per l’audio. Forse se ne riparlerà fra un anno, con un nuovo bollino.

Articolo precedente
Articolo successivo

Mauro Baldacci

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien