5G, sarà vietato ai Comuni opporsi alle installazioni delle antenne 5G, sarà vietato ai Comuni opporsi alle installazioni delle antenne
Con un emendamento inserito nel decreto Semplificazioni, il Governo ha messo un freno ai sindaci italiani che intendano opporsi all’installazione di antenne 5G sul... 5G, sarà vietato ai Comuni opporsi alle installazioni delle antenne

Con un emendamento inserito nel decreto Semplificazioni, il Governo ha messo un freno ai sindaci italiani che intendano opporsi all’installazione di antenne 5G sul proprio territorio di competenza.

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 17 luglio, la norma stabilisce che “i comuni possono adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici con riferimento a siti sensibili individuati in modo specifico, con esclusione della possibilità di introdurre limitazioni alla localizzazione in aree generalizzate del territorio di stazioni radio base per reti di comunicazioni elettroniche di qualsiasi tipologia e, in ogni caso, di incidere, anche in via indiretta o mediante provvedimenti contingibili e urgenti, sui limiti di esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, sui valori di attenzione e sugli obiettivi di qualità, riservati allo Stato ai sensi dell’articolo”.

D’ora in poi, dunque, i sindaci potranno stabilire regole per ridurre l’esposizione dei cittadini ai campi elettromagnetici, ma non potranno impedire l’installazione di antenne di telecomunicazioni sul territorio comunale. La decisione – che riprende una proposta contenuta nel piano Colao – arriva dopo l’ennesimo episodio che ha visto il Sindaco di Reggio Calabria vietare l’installazione di reti 5G in città “per difendere la salute dei cittadini”. Sono circa 500 in Italia gli amministratori locali che hanno già firmato ordinanze in tal senso.

Piero Ricca