Rohde & Schwarz è pronta per la migrazione Rohde & Schwarz è pronta per la migrazione
L’azienda tedesca ha presentato all’IBC la versione aggiornata del video server R&S Venice che promette di poter gestire al meglio la migrazione da SDI... Rohde & Schwarz è pronta per la migrazione

L’azienda tedesca ha presentato all’IBC la versione aggiornata del video server R&S Venice che promette di poter gestire al meglio la migrazione da SDI a IP.

Il sistema di acquisizione e messa in onda Venice può essere utilizzato in installazioni SDI ma offre la flessibilità necessaria per l’impiego in infrastrutture basate su IP o ibride. Sviluppato per garantire l’interoperabilità con prodotti di altri fabbricanti, R&S Venice integra una nuova scheda che impiega moduli SFP+ sostituibili per la connessione dei segnali video, un canale UltraHD bidirezionale oppure quattro canali HD, sempre bidirezionali.

Basato su una piattaforma server standard con componenti hardware ridondanti e senza alcun singolo punto di guasto, R&S Venice è in grado di garantire la continuità del servizio, fattore essenziale per il suo impiego per la messa in onda. Gli strumenti software integrati permettono di gestire funzioni come la conversione di risoluzione, l’aggiunta o la rimozione di sottotitoli, l’encoding dell’audio DolbyE e altro ancora, rendendo inutili altri dispositivi e riducendo la complessità dei flussi di lavoro e delle installazioni.

Alla continuità delle operazioni contribuisce la tecnologia proprietaria Virtual Storage Access che permette di accedere in parallelo alle unità di storage: in caso di guasto a una di queste, l’accesso ai dati avviene automaticamente dalla prima unità di backup disponibile, senza che sia necessario alcun intervento da parte dell’operatore.

L’utilizzo di una piattaforma server permette di scegliere fra una vasta varietà di codec e il supporto per il Framework for Interoperable Media Services (FIMS) garantisce l’integrazione con dispositivi di terze parti.

“Uno standard di comunicazione aperto come il FIMS è un’esigenza assoluta nell’ambiente del broadcast odierno dove sono presenti più fornitori. Usando tecnologie di comunicazione derivate dall’informatica e da Internet, abbiamo trasformato R&S Venice in una piattaforma per la produzione e la messa in onda che è aperta all’integrazione con la più vasta gamma di utilizzatori e fornitori,” ha dichiarato Michael Hackl, product manager di Rohde & Schwarz. “R&S Venice offre ai broadcaster la possibilità di migrare all’IP quando e come lo desiderano. Annulla il gap tecnologico fra i flussi di lavoro SDI in banda base e quelli IP, offrendo ingressi e uscite video dalla definizione standard all’UHD. Grazie alla sua architettura avanzata e alle prestazioni dei codec, R&S Venice supporta già ora i flussi di lavoro HDR.”

Articolo precedente
Articolo successivo

Mauro Baldacci