Da Amsterdam nuovo stop per MFE Da Amsterdam nuovo stop per MFE
Il Tribunale di Amsterdam ha accolto il ricorso di Vivendi sulla fusione tra Mediaset e la controllata spagnola che ha avviato la nascita di... Da Amsterdam nuovo stop per MFE

Il Tribunale di Amsterdam ha accolto il ricorso di Vivendi sulla fusione tra Mediaset e la controllata spagnola che ha avviato la nascita di MFE, l’holding nella quale il gruppo del Biscione intende concentrare le sue attività e partecipazioni televisive.

In luglio era stato il tribunale di Madrid a congelare la fusione, inducendo Mediaset ad annunciare la riformulazione del progetto “su nuove basi”. Tema sul quale potrebbero giungere novità dal cda della holding tv italiana fissato per l’8 settembre.

In precedenza, a febbraio, il Tribunale di Amsterdam aveva rigettato la richiesta “in urgenza” da parte di Vivendi di bloccare la nascita di MFE. Ora però è arrivato il giudizio di merito, favorevole ai francesi. Vivendi “è molto soddisfatta per la decisione dei giudici di Amsterdam, che riteniamo sia nell’interesse di tutti gli azionisti di Mediaset, quello che abbiamo sempre cercato di ottenere in tutti i tribunali dei diversi Paesi e alla Corte Europea”, ha dichiarato un portavoce del gruppo.

Intanto nei prossimi giorni è attesa la decisione della Corte europea sul ricorso presentato dai francesi sulla decisione Agcom del 2017 che aveva portato a congelare la partecipazione francese in Mediaset sotto il 10%. Ma resta in campo l’ipotesi di una soluzione extragiudiziale tra le parti: gli avvocati sono al lavoro.

Piero Ricca